Una dura resa dei conti per i democratici: razza, classe e la vittoria di Joe Biden

Sottotitolo: 
Il fatto che i democratici abbiano sconfitto Donald Trump con un margine così ristretto  indica che hanno bisogno di un radicale ripensamento della strategia politica per respingere  la minaccia neofascista di Donald Trump.

Trump - nonostante quattro anni di corruzione, incompetenza e comportamenti spesso clowneschi - ha in effetti aumentato la sua quota di voto popolare. Il Partito Repubblicano, trasformato in gran parte in un'arma per la sua ambizione personale, probabilmente vincerà a gennaio almeno una delle due ballottaggi, consentendogli di mantenere il controllo del Senato degli Stati Uniti.

Ciò consente loro di controllare il ridisegno dei confini politici a proprio vantaggio per l'intero decennio successivo. E grazie a Donald Trump, sei dei nove giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti sono repubblicani conservatori o reazionari. Molti di loro sono destinati a servire per altri tre decenni, o più.

Che cosa significa realisticamente il successo di Biden?

Sotto la presidenza di Biden, il comportamento del governo degli Stati Uniti sarà certamente più razionale e progressista. Ma le profonde divisioni politiche del paese renderanno più difficile per il nuovo presidente degli Stati Uniti affrontare le molteplici crisi interne, come la pandemia COVID 19, la recessione economica e l'approfondimento delle divisioni razziali.

La polarizzazione dei  conflitti interni renderà anche più difficile per Biden affrontare i problemi internazionali, come il riscaldamento globale, il terrorismo e le relazioni con Cina, Russia e Iran.

I democratici devono ripensare la loro strategia 
Secondo qualsiasi standard oggettivo, Donald Trump è il peggior presidente nella storia degli Stati Uniti. Il fatto che i democratici siano stati in grado di sconfiggerlo solo con un margine così ristretto suggerisce che i democratici hanno bisogno di ripensare la loro strategia politica.

Dopo lo shock dell'elezione di Trump nel 2016, i Democratici accusarono Hillary Clinton di non mobilitare sufficientemente la base del partito: donne bianche e minoranze. Quest'anno, hanno invece fatto uno sforzo enorme per raggiungere quei gruppi. E con lo il sostegno dei giovani nelle strade a sostegno di "Black Lives Matter", i Democratici hanno favorito un'enorme affluenza alle urne. Avevano ragione. I democratici sono andati a votare per Biden in numero record.

La rete di propaganda di Trump si è dimostrata efficace
Ma anche i repubblicani sono si sono impegnati per Trump. La campagna di Trump ha utilizzato immagini esagerate di violenza e saccheggi nelle manifestazioni di piazza e ha associato i democratici a richieste radicali di cambiamenti nella  la polizia.

Questa campagna di paura è diventata virale e ha generato un aumento quasi uguale dell'affluenza tra gli elettori repubblicani. Trump ha ricevuto una quota maggiore dei voti delle donne bianche rispetto al 2016.

Il fascino che svanisce del cambiamento demografico
I deludenti risultati elettorali sollevano anche dubbi su una convinzione diffusa tra i democratici: quella di  essere dalla parte della storia perché la popolazione dei non bianchi - che tendono a votare per i democratici - sta crescendo più velocemente della popolazione dei bianchi. Così, molti leader democratici hanno supposto di non doversi preoccupare di perdere gli elettori bianchi della classe operaia a favore dei repubblicani perché i bianchi saranno meno importanti in futuro.

Due terzi dei latinoamericani si considerano bianchi 
Ci sono due problemi con questa teoria: In primo luogo, i numeri spesso citati sono di per sè fuorvianti. Il noto editorialista del New York Times Tom Friedman ha recentemente scritto: "negli anni 2040, i bianchi rappresenteranno il 49% della popolazione degli Stati Uniti e i latini, i neri, gli asiatici e le popolazioni multirazziali il 51%".

Ma Friedman, come molti altri analisti politici, sbaglia quando classifica il più grande sottogruppo minoritario, i latinoamericani, come "non bianco". Infatti, almeno il 65% si considera “solo” bianco dal punto di vista razziale.Pertanto, se i latinoamericani sono classificati correttamente (in base alla loro autoidentificazione), i bianchi rappresenteranno comunque il 69% della popolazione statunitense entro il 2060.

Se l'identità razziale determina davvero il comportamento di voto, la politica statunitense sarà pertanto dominata dai bianchi per molto tempo.

Elettori latini conservatori e concentrati sulla sicurezza del lavoro 
In secondo luogo, l'ipotesi che le persone voteranno in blocco in base alla loro identità etnica o razziale è semplicistica. Sì, le minoranze votano ancora in gran parte democratico. Eppure, nonostante la xenofobia e il razzismo di Trump, quest'anno ha votato per lui una quota maggiore di latinoamericani e neri rispetto a quella del 2016. 

Ciò ha avuto un impatto politico significativo. Ad esempio, i Democratici avevano sperato che con la crescita degli elettori latini avrebbe vinto in stati elettoralmente importanti come la Florida e il Texas. Ma l'ipotesi che gli elettori avrebbero votato in blocco in base alla loro identità etnica o razziale è semplicistica.

Sì, le minoranze votano ancora in gran parte per il Partito democratico. Eppure, nonostante la xenofobia e il razzismo di Trump, quest'anno ha votato per lui una quota maggiore di latinoamericani e neri rispetto a quella del 2016. Ciò ha avuto un impatto politico significativo. Ad esempio, i Democratici avevano sperato che la crescita degli elettori latini avrebbe conquistato stati elettoralmente importanti come la Florida e il Texas. Invece hanno perso di nuovo la Florida. Perché? Perché i conservatori cubani e venezuelano-americani hanno votato repubblicano.

I democratici hanno anche perduto nuovamente il Texas. Durante la campagna, i democratici avevano indirizzato il loro appello ai latini sottolineando il maltrattamento di Trump nei confronti degli immigrati che entrano illegalmente dal Messico e dall'America centrale. Ma i messicani americani lungo il confine hanno sostenuto Donald Trump perché i loro posti di lavoro e i loro salari sono stati rabbassati con l’arrivo di nuovi immigrati. I sondaggi nazionali hanno mostrato che gli elettori latinoamericani pensavano che per loro il lavoro e l'assistenza sanitaria, non l'immigrazione, fossero le questioni più importanti.

La trappola dei repubblicani per i democratici
 La pelle bianca è ancora privilegiata negli Stati Uniti e il Partito Repubblicano ha sempre di più assecondato il razzismo. I democratici, sia per ragioni morali che politiche, devono sostenere con decisione la parità razziale. Così, ad esempio, la maggioranza dei bianchi ha sostenuto il movimento Black Lives Matter contro la brutalità della polizia nei confronti dei neri. Ma il sostegno è diminuito drasticamente quando ai bianchi sono stati chieste scelte destinate alla riparazione per la passata oppressione dei neri.

Dopotutto, diversi decenni di salari stagnanti, di lavoro precario e di erosione della mobilità verso l'alto hanno fatto sì che la maggior parte dei bianchi che devono vivere del lavoro per vivere non si sentano "privilegiati". I repubblicani sono stati ovviamente i principali promotori di politiche che hanno beneficiato il mondo imprenditoriale a scapito dei lavoratori. Ma, spudoratamente e abilmente, hanno dirottato la rabbia della classe operaia bianca verso le minoranze, mentre proteggevano le élite del paese.

La classe imprenditoriale sfrutta la divisione razziale

Come la maggioranza dei bianchi, la maggior parte dei latinoamericani e dei neri americani sono della classe operaia. E i dati mostrano che i problemi economici delle minoranze sono ora più facilmente dipendenti dalla loro condizione di classe che non dalla loro razza o etnia. Pertanto, la questione centrale della disuguaglianza di reddito e di ricchezza non corrisponde più a un privilegio dei "bianchi". Piuttosto, è il privilegio dei " bianchi ricchi".

Come afferma l'economista Adolph Reed, un afroamericano: se dici ai bianchi del 50% più povero (cioè, persone che praticamente non hanno alcuna ricchezza) che la disuguaglianza di base negli Stati Uniti è tra bianchi e neri, sanno che ti sbagli. In modo più significativo, se dici la stessa cosa ai neri del 50% più povero (cioè, le persone totalmente prive di risorse), sanno anche che hai torto. Non sono tutti i bianchi ad avere i soldi; ma il dieci per cento della popolazione americana più ricca (principalmente) dei bianchi.

Un motore di disuguaglianza
Thomas Piketty e altri hanno dimostrato che il capitalismo moderno è diventato un motore per l'espansione della disuguaglianza tra capitale e lavoro. In assenza di riforme sostanziali, i redditi e le opportunità per la maggior parte dei lavoratori americani - qualunque sia il colore della loro pelle - continueranno pertanto a ridursi. Sentirsi abbandonato dai Democratici In un paese in cui la rete di sicurezza sociale è sottile, continuerà inevitabilmente a produrre insicurezza, frustrazione e rabbia, che demagoghi come Trump sanno sfruttare.

Trump ha in parte avuto successo perché un gran numero di lavoratori bianchi si è sentito abbandonato dai Democratici. Negli ultimi decenni, l'establishment del Partito Democratico ha forgiato un'alleanza con i finanzieri di Wall Street che sono liberali sulle questioni sociali - come la discriminazione razziale, l'immigrazione e l'aborto - ma decisamente conservatori sull'economia. Un risultato è stato che i leader democratici si sono rifiutati di aiutare i loro alleati sindacali a difendersi dall’attacco delle grandi imprese contro le organizzazioni dei lavoratori. La base degli elettori del Partito Democratico si è ridotta insieme col declino  dell'adesione al sindacato,


Campione del popolo? Una bugia disonesta, ma efficace
In modo disonesto, ma efficace, Donald Trump si è presentato come il campione del popolo. Su Twitter, ha regolarmente denunciato le grandi imprese mentre il suo governo le ha fornito tagli delle tasse, sussidi e deregolamentazione Un risultato bizzarro è stato che durante tutta la campagna gli elettori hanno visto il plutocrate Trump più bravo di Biden nel creare posti di lavoro e prosperità.

I Democratici hanno davvero imparato la lezione?
 Lo stile meno elitario di Biden lo ha aiutato nella mobilitazione di un numero sufficiente di lavoratori bianchi per vincere tre stati chiave del Midwest che Hillary Clinton aveva perso. Tuttavia, se Donald Trump avesse mostrato un minimo di competenza nel rispondere alla crisi del COVID 19, avrebbe potuto essere rieletto.

Biden e il suo team affermano di aver imparato dagli errori passati del loro partito e ora riconoscono la necessità di rifondare il loro ruolo come partito della grande massa dei lavoratori. Hanno due anni fino alle elezioni del Congresso del 2022 per dimostrarlo. Storicamente, il partito del presidente perde seggi in quei "medio termine". Ma Biden non può permettersi di perderne.

Grandi compiti in vista per il team Biden
In qualità di presidente, Joe Biden dovrà concentrarsi su queste tre sfide:

1. Una distribuzione rapida ed efficiente dei vaccini COVID 19, ottenendo  il cambio di opinione del 40% degli americani contrario alla vaccinazione.

2. Il superamento dell'opposizione del Senato a maggioranza repubblicana nei confronti di un aumento della spesa pubblica di 2-3 trilioni di dollari a sostegni dei disoccupati e per creare nuovi posti di lavoro.

3. Il salvataggio e la riforma del sistema sanitario statunitense che sta crollando sotto la pressione della pandemia.

4. L’aumento del salario minimo federale, che aiuti tutti i lavoratori, specialmente le minoranze, che dipendono maggiormente da lavori a basso salario.

Se riuscirà a farlo, Joe Biden avrà il sostegno popolare per passare a riforme interne più ampie e per dare forma a una politica estera più adatta a un mondo in cui gli Stati Uniti non sono più l'egemone. Poiché i repubblicani faranno tutto il possibile per rendere la presidenza Biden un fallimento, le fazioni disparate dei democratici devono unirsi dietro di lui in un "fronte popolare" contro la destra autoritaria.

Questo può essere difficile per molti della sinistra del partito, ma non hanno scelta. Se Biden fallisce, falliscono.

Trump ha già indicato che vuole candidarsi di nuovo nel 2024. Affronterà una serie di problemi legali e finanziari che potrebbero ancora distruggere il suo futuro politico personale. Ma che concorra o no, il seguito reazionario di destra che ha creato non se svanirà.E possiamo supporre che Donald Trump si presenterebbe con una nuova versione più fluida e intelligente, e più pericolosa della prima.

Conclusione
Le elezioni ci hanno fornito alcuni indizi su dove potrebbe essere diretta la democrazia statunitense, ma la domanda rimane senza risposta: Biden e i Democratici possono ridare abbastanza sicurezza e prosperità alla classe lavoratrice americana per sradicare finalmente la pandemia politica neofascista?

Incrociamo le dita.

(Traduzione a cura di Insight)

Antonio Lettieri

Editor of Insight and President of CISS - Center for International Social Studies (Roma). He was National Secretary of CGIL; Member of ILO Governing Body,and Advisor of Labor Minister for European Affairs.(a.lettieri@insightweb.it)

Insight - Free thinking for global social progress

Free thinking for global social progress