Il salario orario minimo a 26 dollari

Sottotitolo: 
E' stato  rimosso il legame tra produttività e salario minimo federale, che  non ha tenuto il passo nè con la crescita della produttività, nè con l'inflazione. Una persona che oggi lavora al salario minimo riceve una retribuzione inferiore rispetto a un lavoratore di 53 anni fa nel 1968.

Può sembrare abbastanza folle, ma è più o meno quello che sarebbe il salario minimo oggi se avesse tenuto il passo con la crescita della produttività da quando il suo valore ha raggiunto il picco nel 1968. E avere il salario minimo che segue la crescita della produttività non è un'idea folle. Il salario minimo nazionale ha infatti tenuto il passo con la crescita della produttività per i primi 30 anni dopo l'istituzione del salario minimo nazionale nel 1938.

Inoltre, un salario minimo cresciuto di pari passo con i rapidi aumenti di produttività di questi decenni non ha portato alla disoccupazione di massa. La media annuale del tasso di disoccupazione nel 1968 era del 3,6%, una media inferiore rispetto a qualsiasi anno nell'ultimo mezzo secolo.

Il mondo da 26 dollari l'ora

Pensa a come sarebbe il paese se i lavori meno pagati, pensa ai lavapiatti o ai custodi, guadagnassero 26 dollari 26 l'ora. Ciò significherebbe che qualcuno che ha lavorato un anno per 2000 ore avrebbe un reddito annuo di 52.000 dollari. Questo reddito metterebbe una madre single con due figli ben oltre il doppio del livello di povertà.

E questo è solo per il salario minimo. Presumibilmente i lavoratori vedrebbero la loro retribuzione aumentare al di sopra del minimo essendo rimasti al lavoro per un certo numero di anni e idealmente promossi a posizioni meglio retribuite. Se assumiamo che dopo 10 o 15 anni la loro paga sia aumentata del 20 percento, allora questi lavoratori in fondo alla scala retributiva guadagnerebbero più di 60.000 dollari all'anno.

Anche se questo non è certo uno standard di vita lussuoso, è certamente sufficiente per sostenere uno stile di vita della classe media. Per una coppia con due guadagni questo equivarrebbe a 120.000 dollari all'anno. Immagina che questo sia ciò che le persone al livello più basso della forza lavoro potrebbero ragionevolmente aspettarsi tra i trenta e i quaranta anni.

Non cercarli a casa

I 26 dollari l'ora sono utili come esperimento mentale per immaginare come potrebbe essere il mondo oggi, ma non sarebbero realistici come politica per il salario minimo locale, statale o persino nazionale senza molti altri cambiamenti dell'economia. Un salario minimo così elevato porterebbe quasi certamente a una disoccupazione su vasta scala, e ciò sarebbe vero anche se fosse gradualmente introdotto nell'arco di cinque o sei anni.

Il problema è che abbiamo apportato nel sistema economico molti cambiamenti  che hanno spostato verso l'alto enormi quantità di reddito, in modo che non possiamo sostenere una struttura retributiva che dia ai lavoratori meno abbienti  52.000 dollari all'anno. Questo è il punto centrale del mio libro, Rigged [ora gratuito], : abbiamo ristrutturato l'economia in modo da garantire che una quota sproporzionata di reddito vada a chi è al vertice. Se la metà inferiore o l'80% della forza lavoro ricevesse la stessa quota di 50 anni fa, avremmo un enorme problema con l'inflazione.

Giusto per scorrere rapidamente un ristretto elenco, possiamo iniziare con i miei preferiti: i brevetti concessi dal governo e i monopoli sul copyright. Articoli come farmaci, apparecchiature mediche e software per computer, che sarebbero tutti relativamente economici in un mercato libero, ci costano invece enormi quantità di denaro a causa di questi monopoli. Nel caso dei soli farmaci da prescrizione, i monopoli sui brevetti e le relative protezioni possono aggiungere più di 400 miliardi di dollari all'anno (circa 3.000 dollari per famiglia) al nostro conto annuale. In totale, il costo di queste protezioni può facilmente superare un  trilione di dollari all'anno (quasi 8.000 dollari per famiglia).

E i beneficiari dei monopoli sui brevetti e sui diritti d'autore superando coloro che si trovano nella fascia più alta della distribuzione del reddito. Molti lavoratori nel settore tecnologico guadagnano stipendi a sei o addirittura sette cifre.  Con questi monopoli concessi dal governo I capi privilegiati possono congedarsi con decine o addirittura centinaia di milioni di dollari. Bill Gates probabilmente lavorerebbe ancora per vivere se il governo non fosse disposto ad arrestare chiunque abbia fatto copie del software Microsoft senza il suo permesso.

E sì, ci sono altri modi per finanziare il lavoro creativo e l'innovazione. Possiamo pagare le persone, un po' come facciamo con quasi tutti gli altri aspetti dell'economia. (Si veda il capitolo 5 di Rigged.)

Successivamente, abbiamo la governance aziendale. La storia qui è che abbiamo decine, o addirittura centinaia, di milioni di dollari che vanno ai CEO (amministratore delegato), che non producono in nessun modo un valore prossimo a questi livelli. Questo non è un giudizio morale sul valore del CEO. Il punto è che in quasi tutti i casi sarebbe possibile pagare 2 o 3 milioni di dollari a una persona che producesse tanto valore per gli azionisti quanto un CEO che riceve 20 milioni di dollari.

Il motivo per cui non vediamo pressioni al ribasso sulla retribuzione dell'amministratore delegato è che i consigli di amministrazione che determinano più immediatamente la retribuzione dell'amministratore delegato sono in gran parte selezionati dall'amministratore delegato e da altri alti dirigenti. Non hanno alcun incentivo a ridurre la retribuzione del CEO. Dal loro punto di vista, non c'è svantaggio per la retribuzione del CEO grossolanamente gonfiata (non è il loro denaro), e non c'è motivo di rischiare di inimicarsi gli altri membri del consiglio suggerendo che il loro amico CEO riceve troppi soldi.

La paga gonfiata dei CEO è importante non solo per il numero relativamente piccolo di persone che gestiscono grandi aziende, ma anche per il suo impatto sulle scale salariali per coloro che si trovano vicino ai vertici. Se l'amministratore delegato ottiene 20 milioni di dollari, il direttore finanziario potrebbe ricevere tra i 10 e i 12 milioni di dollari.

E quanto ai dirigenti di terzo livello, il quadro sarebbe molto diverso se gli amministratori delegati venissero pagati dai 2 ai 3 milioni di dollari, come accadrebbe se avessimo gli stessi rapporti retributivi tra amministratori delegati e lavoratori ordinari degli anni '60. In tal caso, i dirigenti di terzo livello vedrebbero stipendi medi o alti a sei cifre, non milioni di dollari all'anno(1).

Il settore finanziario è un altro luogo in cui strutturiamo l'economia per elargire  enormi somme a un ristretto numero di ricchi. Abbiamo creato una struttura fiscale e normativa che consente ad alcune persone di diventare incredibilmente ricche apportando poco o nessun contributo all'economia produttiva. Ad esempio, sarebbe enormemente più efficiente se tutti avessimo conti bancari digitali presso la Fed, da cui potremmo effettuare tutti i nostri pagamenti e dove potremmo ricevere la nostra busta paga mensile e altre entrate, praticamente a costo zero.

La ragione più ovvia per cui non abbiamo un sistema del genere è che priverebbe il settore bancario di decine di miliardi di commissioni annuali. Non c'è motivo per cui non dovremmo avere una modesta tassa sulle transazioni finanziarie sulla falsariga della tassa dello 0,1 percento proposta dal senatore Schatz. (La maggior parte degli altri settori ha imposte sulle vendite, che sono molto più elevate.) Possiamo anche rendere difficile per i fondi pensione pubblici versare miliardi di commissioni ai partner di private equity che non producono rendimenti più elevati.  Lo stesso vale per le università private che sembrano preferire amici che per la loro collocazione guadagnano milioni mentre esse perdono denaro

E abbiamo i nostri medici e altri professionisti ben pagati, che guadagnano più del doppio dei loro colleghi in altri paesi ricchi perché li proteggiamo dalla concorrenza, sia straniera che nazionale. Se pagassimo i nostri medici come i medici in Germania o in Francia, risparmieremmo quasi 100 miliardi di dollari all'anno, o circa 750 dollari per famiglia. Se sottoponessimo tutte le nostre professioni ben pagate allo stesso tipo di concorrenza dei nostri lavoratori dell’industria automobilistica e tessile, il risparmio potrebbe essere il doppio.

In conclusione: questi enormi prelievi sul benessere rendono impossibile un salario minimo di  26 dollari all'ora.

Per vedere come i guadagni gonfiati per quelli in alto, rendono impossibile per quelli in mezzo e in basso ottenere una paga dignitosa, immagina che i redditi di fascia alta arrivassero sotto forma di assegni governativi. Supponiamo che, mentre   Bill Gates guadagna i miliardi dai monopoli sui brevetti e sui diritti d'autore di Microsoft, il loro software venga venduto a prezzi di mercato libero - ma il governo gli concede  miliardi di dollari ogni anno per permettergli di accumulare la sua fortuna attuale.

Supponiamo di fare lo stesso con l'industria farmaceutica, che trasferisce  ai massimi dirigenti decine di miliardi all'anno, vendendo a basso costo  tutti i farmaci ora classificati  come generici. Mentre il governo ha pagato decine o centinaia di milioni di dollari ogni anno a partner di private equity e hedge fund e ad  altri grandi privilegiati della finanza.

Se lo sommassimo, aumenteremmo la spesa pubblica dell'ordine di $ 1-2 trilioni all'anno, o da  10 a 20 trilioni su un orizzonte di bilancio di 10 anni. Se non compensassimo questa esplosione di spesa per le persone più ricche del paese con alcuni seri aumenti delle tasse, ci troveremmo di fronte a problemi effettivi con l'inflazione: troppi soldi a fronte di pochi beni e servizi, per adottare lo schema classico.

Ma abbiamo in effetti avuto aumenti delle tasse. Abbiamo reso la politica del lavoro del governo molto più ostile ai sindacati, riducendo radicalmente la quota sindacalizzata della forza lavoro, oltre a ridurre il potere di coloro che sono organizzati. Abbiamo anche sottoposto i nostri lavoratori dell'industria manifatturiera alla concorrenza diretta con i lavoratori meno pagati in tutto il mondo, esercitando una forte pressione al ribasso su quello che era stato un segmento relativamente privilegiato del mercato del lavoro.

E abbiamo rimosso il legame tra produttività e salario minimo. Non solo il salario minimo federale non ha tenuto il passo con la crescita della produttività, ma non ha nemmeno tenuto il passo con l'inflazione. Una persona che oggi lavora al salario minimo riceve una retribuzione notevolmente inferiore rispetto a un lavoratore di 53 anni fa nel 1968.

Sarebbe una bella storia se potessimo ristabilire il legame tra salario minimo e produttività e recuperare il terreno perso nell'ultimo mezzo secolo. Ma dobbiamo fare molti altri cambiamenti nell'economia per renderlo possibile. Vale la pena apportare questi cambiamenti.
________

[1] È sorprendente che molte persone possano lamentarsi del fatto che i riacquisti di azioni vengono utilizzati per manipolare i mercati e quindi aumentare il valore delle opzioni del top management, senza riconoscere che questa è una storia di management a danno degli azionisti. Se gli azionisti volessero che il top management abbia più soldi, potrebbero semplicemente pagarli di più, senza fargli commettere frodi azionarie per aumentare i loro stipendi.

Dean Baker

Dean Baker is the co-director of the Center for Economic and Policy Research (CEPR). He has worked for the World Bank, the Joint Economic Committee of the U.S. Congress, and the OECD's Trade Union Advisory Council. His latest book is "Rigged: How Globalization and the Rules of the Modern Economy Were Structured to Make the Rich Richer"

Insight - Free thinking for global social progress

Free thinking for global social progress