Biden: non ripetere il catastrofico errore di Jimmy Carter sull'inflazione

Sottotitolo: 
Una reazione eccessiva sarebbe cattiva economia e cattiva politica

Il 29 marzo 1979 il presidente Jimmy Carter partecipò a una riunione di imprenditori a Washington per chiedere il loro aiuto nel controllare l'inflazione.

I democratici hanno ragione a preoccuparsi della minaccia dell'inflazione alla presidenza di Joe Biden. Ma devono imparare dalla nostra storia la giusta elezione: una reazione eccessiva può essere fatale.

L'ultima volta che l'inflazione ha avuto un impatto significativo sulla politica degli Stati Uniti è stato nel 1979-1980, quando la cattiva gestione dell'aumento dei prezzi al consumo da parte di Jimmy Carter ha favorito l’elezione di Ronald Reagan e ha inaugurato 40 anni di dominio conservatore della vita politica americana.

I prezzi stavano allora accelerando a causa dei vincoli di offerta in mercati specifici. La benzina era aumentata in risposta ai disordini in Medio Oriente, inclusa la rivoluzione in Iran. I costi del cibo era  aumentato per un catastrofico fallimento del raccolto di grano russo.

Ma i conservatori e i democratici centristi descrissero l'aumento dei prezzi come un problema di "eccesso della domanda " complessiva, causata dalla spesa sociale del governo e dal basso costo del denaro

Ironia della sorte, quando il repubblicano Richard Nixon dovette affrontare l'impennata dei prezzi l'anno prima della sua rielezione nel 1972, impose controlli temporanei sui salari e sui prezzi per impedire che il panico dei consumatori infettasse l'intera economia. Economicamente funzionò; l'inflazione diminuì. E ha funzionò politicamente; Il tasso di approvazione di Nixon passò dal 48 percento al 62 percento entro il giorno delle elezioni.

Otto anni dopo, Jimmy Carter, comportandosi come un conservatore rifiutò il precedente di Nixon. Uno dei suoi primi atti come presidente fu quello di rifiutare l'offerta del Congresso democratico di autorizzare il controllo dei salari e dei prezzi, una mossa che Stuart Eizenstat, il suo principale consigliere per la politica interna, ha poi ammesso essere stato il suo più grande errore.

Quando, a metà del suo mandato, i prezzi del petrolio e del cibo aumentarono, Carter fu spinto a "fare qualcosa": tagliò la spesa pubblica e lasciò a Paul Volcker il compito di aumentare i tassi di interesse della Federal Reserve.

La strategia di austerità di Carter alla fine funzionò, ma a beneficio di Ronald Reagan. E segnò il destino della presidenza di Carter soffocando la crescita economica, accumulando la disoccupazione al vertice dell'aumento dei prezzi.

Com'era prevedibile, la storia dell'eccesso di spesa pubblica viene pompata nella coscienza nazionale dai repubblicani, che hanno spudoratamente sostenuto i deficit di Donald Trump.

Quando il tasso di disoccupazione, che era diminuito durante i primi tre anni di Carter,  aumentò , gli appelli dei progressisti per un programma di lavoro tendente a contrastare la contrazione del mercato del lavoro furono respinti come "irrealistici".

"Non sei preoccupato per la rielezione del presidente?" Ho chiesto a uno dei suoi economisti durante una riunione alla Casa Bianca durante l'inverno 1979-1980.

"Pensi davvero che potremmo essere battuti da Ronald Reagan?" ha schernito. "La star della “Buona notte contro un Bonzo?"

Risate tutt'intorno.

Il giorno delle elezioni, gli exit poll del 1980 hanno mostrato che per gli elettori la disoccupazione era stata molto più importante dell'aumento dei prezzi.

L'inflazione attuale è anche guidata dal lato dell'offerta, in questo caso, dalla risposta ritardata della produzione e della distribuzione dopo la ripresa seguita alla recessione COVID. I fornitori di gas, auto a noleggio e voli aerei non sono stati in grado di rilanciare l’offerta abbastanza velocemente. Le catene di distribuzione interrotte, dalle lavatrici ai microchip hanno stentato a riprendere la produzione.

Molti lavoratori licenziati sono riluttanti a tornare a svolgere lavori a bassa retribuzione, insicuri e con persistenti rischi COVID. E la ripresa di spedizioni, autotrasporti, ferrovie e altri sistemi logistici ha garantito profitti fuori misura, riducendo l'urgenza di rilanciare la catena di approvvigionamento.

Com'era prevedibile, la storia dell'eccesso di spesa pubblica è stata pompata nella coscienza nazionale dai repubblicani, che hanno spudoratamente sostenuto i deficit gonfiati di Donald Trump e hanno coinvolto i democratici come Joe Manchin (D-WV) e Kyrsten Sinema (D-AZ).

Questa campagna di propaganda sta prendendo piede. I sondaggi riferiscono che la maggior parte degli americani afferma di stare personalmente bene e che le vendite al dettaglio durante le festività sono sulla buona strada per raggiungere o superare i livelli pre-COVID. Ma allo stesso tempo, la maggioranza è convinta che l'economia nel suo insieme non sia soddisfacente e la maggior parte incolpa Biden, facendogli pressioni per "fare qualcosa".

Biden sta cercando di usare l'autorità federale per eliminare i colli di bottiglia nei trasporti. E sta corrompendo i sauditi offrendo ancora più armi ad alta tecnologia per aumentare la produzione globale di petrolio, che destabilizzerà ulteriormente il Medio Oriente. Sta anche considerando di utilizzare petrolio della Strategic Petroleum Reserve; ma per assicurarsi che rimanga qui in un mercato globale, dovrebbe abolire il divieto di esportazione di petrolio che Obama ha incautamente revocato nel 2015. Ciò richiederebbe a Biden di affrontare “Big Oil”, il che è improbabile. E in ogni caso, l'impatto immediato sui prezzi del petrolio sarebbe quantomeno modesto.

Con la nostra ideologia economica ancora bloccata all'ombra di Ronald Reagan, risposte più efficaci contro l'inflazione sono ancora più inimmaginabili. I controlli temporanei sui prezzi come quelli di Nixon sono inimmaginabili, così come lo sono gli sforzi per usare la presidenza per costringere le aziende a contenerare i prezzi, come fece John F. Kennedy con l'industria siderurgica nel 1962.

Ciò lascia Biden a dover scommettere che entro il prossimo novembre gli shock sui prezzi dal lato dell'offerta si saranno esauriti. Questo è in realtà lo scenario più probabile. Deve, quindi, resistere al panico nel "fare qualcosa" che peggiorerebbe  la situazione.

Nel frattempo, insieme con i Democratici dovrebbe fare ciò che Jimmy Carter non ha fatto: lanciare una decisa campagna per spiegare cosa sta facendo salire i prezzi. La spiegazione dei democratici delle strozzature del COVID, e più specificamente di una fragile catena di approvvigionamento danneggiata da 40 anni di mancata politica industriale e di profitto aziendale, è più accurata e, più facile da capire per gli elettori, rispetto alla storia più astratta e ideologicamente orientata della eccessiva spesa del governo.

Ha l'ulteriore vantaggio di chiarire l'importanza del piano “Build Back Better” di Biden, che nelle sue articolazioni rimane popolare e include programmi che potrebbero rendere l'economia più efficiente e meno vulnerabile a futuri shock dal lato dell'offerta.

Biden può legittimamente sostenere che la sua lotta contro il COVID, e sì, la sua spesa pubblica, stanno già ripristinando lo stato dell'economia. Bloccare ora quei supporti vitali non solo sgonfierà la domanda e ridurrà i recenti guadagni dei lavoratori, ma scollegherà anche le catene di approvvigionamento, rendendole molto più difficili da riparare una seconda volta.

Si tratta di cattiva economia. E con la destra repubblicana fascista, molto più pericolosa di Reagan, in agguato, è una politica potenzialmente catastrofica.

Jeff Faux

Jeff Faux, Member of the Editorial Board of Insight, is the founder and former president of the Economic Policy Institute and the author of the new book "The Servant Economy: Where America's Elite is Sending the Middle Class".

Insight - Free thinking for global social progress

Free thinking for global social progress