Biden e la sinistra americana

Sottotitolo: 
Joe Biden potrebbe non condurre a un futuro più sociale e più democratico, ma non può fermare lo slancio della sinistra verso di esso.

• Il “centrismo” amato dai plutocrati che ha dominato la politica americana ed entrambi i partiti politici negli ultimi 40 anni non regge.
• Da un punto di vista ideologico, l'ala sinistra dei Democratici è più forte oggi che in qualsiasi momento dalla Grande Società di Lyndon Johnson degli anni '60.
• I democratici progressisti - guidati da Bernie Sanders e Elizabeth Warren - sono stati respinti due volte dalle istituzione del loro partito.
• Joe Biden non ha sostenuto che le idee della sinistra fossero sbagliate - ha sostenuto che la maggioranza degli americani non era pronta per loro.
• La sinistra usa troppo spesso la parola "fascismo". Ma nel quarto anno del regime di Trump le prove cumulative di quella minaccia sono chiare.
• Il mezzo impegno dell'ala sinistra del Partito Democratico nelle imminenti elezioni presidenziali rischia una catastrofe.

Il "centrismo" amico dei plutocrati che ha dominato la politica americana ed entrambi i partiti politici negli ultimi 40 anni non regge. Questa politica ha portato a profonde diseguaglianze sociali ed economiche per le quali non offre soluzioni credibili. Per l'ala sinistra del Partito Democratico degli Stati Uniti, questa è insieme una buona e una cattiva notizia.

Ideologia contro ...
Dal punto di vista ideologico, l'ala sinistra dei Democratici è più forte oggi che in qualsiasi altro momento dalla Grande Società degli anni '60 di Lyndon Johnson. La domanda di un'assicurazione sanitaria pubblica per tutti, tasse scolastiche gratuite, un New Deal verde e posti di lavoro garantiti sono ormai idee politiche tradizionali. La maggior parte dei bianchi sostiene il movimento Black Lives Matter.

E all'estremità opposta dell'equazione politica, i conservatori repubblicani - che hanno trascorso le loro vite politiche denunciando il "Grande governo" - sono stati costretti ad ammettere che sono necessari trilioni di dollari di spese federali per salvare il loro "libero" mercato.

... Potere politico
Tuttavia, politicamente, l’ascendente della sinistra americana non è stata all'altezza della sua portata intellettuale. Non è stata in grado di colmare il vuoto politico. E quel vuoto è stato riempito da Donald Trump e dalla destra americana radicale. Combattendo in tandem, queste forze sono riuscite a ribaltare l'intera élite repubblicana e a prendere il controllo di quel partito.

Al contrario, a partire dal 2020, i democratici progressisti - guidati dai senatori degli Stati Uniti Bernie Sanders ed Elizabeth Warren - sono stati respinti due dall'oligarchia del loro partito.

Come si posiziona Joe Biden
Nel vincere la nomination dei Democratici contro Donald Trump, l'ex vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden non ha sostenuto che le idee della sinistra fossero sbagliate. Ha sostenuto che la maggioranza degli americani non era pronta per loro. Biden ha vinto perché è stato sostenuto dal collegio elettorale più fedele e progressista dei democratici - gli afroamericani.

Al contrario, gli attivisti di Sanders / Warren sono amaramente delusi. "Forse mi outtorerò il naso e voterò per Biden", più di uno mi ha detto. "Ma non aiuterò la sua campagna". Il 14 per cento degli elettori di Sanders afferma di non votare per Biden. Un altro 8% non è sicuro. E al momento delle elezioni, potrebbe trattarsi di numeri decisivi.

La frustrazione della sinistra è comprensibile. Il 77enne Biden ha una debole presa sulla loro lealtà, essendo stato dalla parte sbagliata delle battaglie su disuguaglianza, avventurismo militare e regolamentazione dell'avidità delle corporation. Ma un impegno senza slancio da parte dell'ala sinistra del Partito Democratico nelle imminenti elezioni presidenziali rischia una catastrofe.

Trump è una vera minaccia fascista
"Fascismo" è una parola che è spesso impiegata viene troppo facilmente nelle parole della delle sinistra. Ma nel quarto anno del regime di Donald Trump, l'evidenza cumulativa della minaccia è chiara. Non è solo una questione di razzismo di Trump, di spericolata megalomania e di profondo disprezzo per la democrazia. Ha costantemente allentato il guinzaglio sul lato violento della politica americana ed è pronto a lasciarlo andare completamente.

Come prova, si consideri ad esempio:
• L'incoraggiamento di Trump a gruppi di destra radicali e portatori di armi che sono sbocciati alla luce del sole.
• Le persone che hanno fatto arrabbiare Trump - compresi i funzionari della sanità pubblica che cercano di contenere COVID 19 - sono state molestate e minacciate di morte. I loro bilanci sono brutalmente ridotti, e funzionari locali che si affannano per contenere il coronavirus, aprire le scuole e affrontare la brutalità della polizia sono sotto un’enorme pressione.  E hanno poco tempo o denaro per preparare i nuovi sistemi necessari per raccogliere le votazioni per posta e/o online.

Scenari elettorali problematici
Ci vorranno giorni per contare il gran numero previsto di schede inviate per posta. Se le elezioni sono abbastanza vicine, la campagna di Trump, l’iper-politicizzato Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e le reti televisive via cavo di destra solleveranno immediatamente contestazioni legali, legittime o meno, nei confronti dei ai risultati delle votazioni a livello statale. Come nel 2000, la decisione finale andrebbe alla Corte Suprema, che ha una maggioranza repubblicana. E anche se la polizia militare e federale degli Stati Uniti non sosterrà un semplice putsch di Trump, se la Corte Suprema lo decide, saranno obbligati a far valere le sue pretese sulla Casa Bianca.

I margini contano
Cosicché, Joe Biden deve vincere con un margine abbastanza grande da ridurre la credibilità di qualsiasi tentativo di Trump di tornare alla Casa Bianca. Ha bisogno dell'esercito di attivisti della sinistra per guadagnare i voti e dotarsi di una schiera di scrutatori e rappresentanti legali per assicurarsi che siano contati.

He needs the Left’s army of activists to get out the votes, and to provide the poll watchers and lawyers to make sure they are counted

Perché la sinistra ha bisogno di Biden
Una presidenza Biden non risolverà la lotta all'interno del partito per il futuro. Ma fornirà un terreno di confronto e di lotta  per la sinistra all'interno del Partito Democratico per definirne la linea poltica. Biden offre questa opportunità. Il precedente presidente democratico Barack Obama - essendo il primo presidente afroamericano - poteva dare per scontato la sinistra. Biden non può. Non a caso, mentre normalmente un candidato alla presidenza diventa più centrista dopo aver vinto la nomination, le promesse della campagna di Biden sono diventate rapidamente più progressiste.

Lo spostamento verso sinistra di Biden?
A marzo, prima della pandemia e dell'assassinio di George Floyd, Biden ha promesso un "ritorno alla normalità". Ma a maggio proponeva una "rivoluzione istituzionale". In passato, Biden ha riecheggiato la contrarietà dell'establishment conservatore nei confronti della spesa pubblica in deficit. Ha persino sostenuto un emendamento costituzionale per il pareggio del bilancio. Ora ci dice "Milton Friedman non gestisce più lo spettacolo".

E ha coinvolto importanti sostenitori di Sanders nella sua campagna e pianificazione delle politiche. Includono la giovane congressista insurrezionale Alexandria Ocasio-Cortez, il capo della Service Employees Union, Mary Kay Henry e il suo ex direttore della campagna, Jeff Weaver.

Andare oltre il dominio di Wall Street e del Pentagono?
Come ha fatto Obama, un presidente Joe Biden potrebbe tornare indietro nella sua campagna progressista. Una volta che la crisi è finita, Wall Street lo spingerà a ridurre il deficit riducendo la spesa sociale.

E, fedele alla forma, possiamo aspettarci che il contingente di falchi di politica estera del Partito Democratico che ha disertato da Trump si aspetti una ricompensa. Richiederanno maggiori spese militari, presumibilmente per ripristinare la "credibilità" americana nel mondo.

Wall Street e il Pentagono restano formidabili avversari. Ma non comandano più l'ampio supporto di cui godevano una volta. Sono sempre più visti dal pubblico come parte del problema, non della soluzione, alle profonde crisi multiple del Paese.

Ad esempio, la pandemia non ha colpito una sana economia degli Stati Uniti. Decenni di politiche guidate da interessi corporativi a breve termine hanno prodotto un calo della competitività, un aumento della disuguaglianza, un'infrastruttura umana e fisica fatiscente e il crescente peso dei cambiamenti climatici.

Il gioco politico americano dopo Trump
La sinistra non controllerà il gioco politico dopo Trump, ma ora contiene carte molto migliori. Gli ultimi sei mesi di crisi hanno ricordato al pubblico americano l'importanza di un governo civile competente e responsabile pronto a guidare e pianificare il futuro della nazione.

Joe Biden potrebbe non condurre a un futuro più sociale e più democratico, ma né lui né il regime antico del Partito Democratico possono fermare lo slancio della sinistra verso di esso. D'altra parte, Trump, se rieletto, lo schiaccerà.

Conclusione
La scelta per quelli a sinistra della politica americana è chiara:
L'opzione 1 è quella di passare i prossimi quattro anni ad espandere il proprio potere all'interno del Partito Democratico contro una fazione di Clinton / Obama in costante indebolimento.
L'opzione 2 è quella di spenderlo ansimando per il respiro politico contro la strozzatura di un'ondata trionfante, armata fino ai denti del neofascismo repubblicano di Trump.

Jeff Faux

Jeff Faux, Member of the Editorial Board of Insight, is the founder and former president of the Economic Policy Institute and the author of the new book "The Servant Economy: Where America's Elite is Sending the Middle Class".

Insight - Free thinking for global social progress

Free thinking for global social progress