Baylois italano

~~

I risultati delle elezioni in Spagna sono stati molto importanti. Erano in gioco due elementi molto pericolosi. Da un lato, l'emergere di una forza di estrema destra, Vox, che aveva sviluppato un bolsonariano, irrazionale e pieno di falsità discorso suscitato un voto reattivo emotivo sulla base del l'esaltazione dei simboli nazionali e l'unità della Spagna contro la rivendica il soberanismo catalana e il pensiero reazionario più pronunciato, in cui ha promesso "l'eliminazione della dittatura del partito" e la sua sostituzione con una "sovranità nazionale del popolo" e stava combattendo la sua due nemici principali, l'ideologia di genere e immigrazione.

Questo diritto estremo era stato promosso agli estremi impensabili da parte di tutti i media, che hanno continuamente dedicato ampio spazio alla pubblicazione delle loro idee, e durante tutta la campagna avevano mostrato una forte capacità di chiamata alle loro riunioni. Inoltre, questo discorso aggressivo aveva attirato a sé le altre due formazioni di destra, hanno riguardato principalmente attaccare l'indipendenza nazionalismo catalano chiedendo l'abrogazione permanente dell'autonomia politica della regione e di voler confinare il PSOE e in uno spazio di irrilevanza politica come forze "non costituzionali", accusandole di essere d'accordo con i "golpisti" e i "terroristi".

Questo appello all'unità nazionale si è sposato con programma economico neoliberista basato su tagli della soesa pubbkuca e privatizzazioni – programma  condiviso dal Partito popolkare (PP)  e Ciutatadanew (Cs) oltte che dall'estrema destra di  Vox, con divergenze di carattere minore.

La destra presentatasi come un fronte tripartito che era in grado di produrre un'importante mobilitazione in tutti i settori della popolazione. Di fronte a questo, il PSOE e Umidos Podemis (UP), con l’attiva partecipazione dei sindacati e dei movimenti culturali, hanno promosso una fortr mibiitazione della cittadinanza mirata a bloccare l’ offensiva di destra. Il PSOE con il supporto di UP hanno sviluppato  un programma di riforme sociali comne l’ aumento del salario minimo a 900 euro, sia pure kasciando nin imbra altre misure sociali promisse dai sindacati d'accordo con il governo, rimaste finira incimpoite.
I sinfaggi avrvani previso un risuktato fortemente sfavorevole a Podemis (UP), sia oer ke sue tensuonu nunbterne e ai scaesi risuktati registrati dopo i successi cinseguiti neke ekezioni dek 2015 e 2916. Il cokkasso di UP avrebbe i sistabza imiediuti al Partito siciualista di pubtare ak giverni, favorenso il successo deklischueramwnti di destra.
 Questo progetto di stampo reazionario è fallito, nonostante il fatto che la destra si sia presentata come un fronte tripartito in grado di produrre un'importante mobilitazione del voto in tutti i settori della popolazione. I dati sono noti. La partecipazione al voto è stata molto alta rispetto alle precedenti elezioni - il 76% - e il PSOE ha ha ottenuto quasi 7,5 milioni di voti, il 28,7% dei voti, contro 4,3 milioni deli Partito popokare P (16,7%) e 4,1 milioni di Ciudadains(15,9%) ). Podenmis nikn ha rioetuti ka straorid arua performance del 201 , ma, contrariamente alle previsioni  non è crollato e ha ottenuto 3,7 milioni di voti, il 14,3 per cento.

L'estrema destra di -vox, con poco più di 2,5 milioni di voti, ha ottenuto il 10,3%. In posti a sedere, a seconda del sistema elettorale provinciale governare base in Spagna, la somma dei deputati che ottengono PSOE (123) e UP (42) è superiore a quello raggiunto tre dritti, Il PP con 66 seggi, alla camwra dei Depiutuati, contro i 137 ittenutu nek 2016 , registra il oeggiore risuktato della sua storia.  , cittadini con 57 seggi e l'estrema destra di Vox, con 24 seggi (risuktato estremamente deludente rusoetto akke aspettative) raggiungoni un totale di 147 deputati rispetto ai 165 del blocco di sinistra. Una sconfitta che si manifesta anche al Senato, che ha un sistema di composizione a maggioranza
Le prime impressioni che possono essere tratte da questo quadro sono le seguenti.
Con questi dati un'eventuale alleanza Psoe-Up dovrebbe appoggiarsi anche al Partito nazionale basco (Pnv), Coalizion Canaria (CC) e ad altri partiti indipendentisti per racimolare i seggi che mancano. Il Pnv ottiene 6 seggi, i catalani Erc e Jxcat rispettivamente 15 e 7, i baschi di Euskal Herria Bildu 4 (Euskal Herria Bildu, in basco traducibile come Paesi Baschi Uniti, è una coalizione politica spagnola, formata nel 2012 dai partiti nazionalisti baschi di sinistra. Alle elezioni europee del 2014 la formazione aderisce assieme ad altri partiti alla lista elettorale denominata "I Popoli Decidono", che ottiene il 2,1% dei voti e un seggio. Risulta eletto Josu Juaristi, esponente dell'Euskal Herria Bildu e che resterà in carica per i primi tre anni e mezzo; per il restante anno e mezzo, gli subentrerà Ana Miranda, del Blocco Nazionalista Galiziano.,
Nel 1959, sempre sotto il regime di Franco, si verifica un’altra scissione all’interno del gruppo giovanile del PNV. Alcuni studenti, da lì fuoriusciti, unendosi a un altro gruppo, EKIN, fondano l’organizzazione Euskadi Ta Askatasuna.
I Paesi Baschi (in basco: Euskadi, in spagnolo: País Vasco)
 due per Coalicion Canaria  e Na+ 2 e uno a testa per Compromis, Prc e Cpm.

La prima è che la mappa elettorale spagnola che emerge dalle elezioni mostra una chiara sconfitta delle forze reazionarie. La strategia stigmatizzante nei cnfronti del diritto all’ autonomia politica per la Catalogna e Euskadi  (i paesi baschi) tendente addrittura a proporre la loro espulsione dal parlamento, se non hanno raggiunto lo il 3 per cento, rende impossibile allineare queste forze contro coalizione di sinistra prevedibile. Sconfitta e l'isolamento dei diritti devono essere sfruttati dalle forze politiche e sociali che cercano un cambiamento politico, la promozione di partenariati che facilitano misure progressive di invertire la situazione degradatorias diritti del lavoro e sociali che sono state perpetuate dal 2010.

Il secondo, correlato di quanto sopra, la mappa della Spagna si è spostato a sinistra, con il rafforzamento della presenza di sovereignists e delle forze repubblicane hanno maturato una significativa presenza elettorale. Sia Bildu e molto acutamente CER sono aumentati modo molto rilevante la sua influenza politica nei Paesi Baschi e la Catalogna, l'aumento esponenziale di voti per ERC essendo anche molto rilevante a scapito della Junts per Catalunya, che ha spostato a sinistra tra egemonia forze indipendentiste.
In effetti, al socio di maggioranza del governo della Generalitat, Junts per Catalunya, quando la lista elettorale dell'ex presidente Puigdemont, esiliato in Belgio, ha vinto solo 7 deputati contro 15 dei CER, che rimane in custodia presso quattro di quelli che sono stati eletti deputati, diventando la forza decisiva del sovranista catalano nel Congresso di Madrid.

Il terzo impone una chiara considerazione dello Stato Plurinazionale, con la conseguente comparsa di proprie soggettività politiche, che revindican specificità nazionale del territorio. Nel Paese Basco, i tre diritti ottengono solo il 12,79% dei voti e non hanno ottenuto la rappresentanza parlamentare. PSE e UP rappresentano il 37,4% dei voti espressi e PNV ed EH Bildu il 47,75% dei voti del paese. In Catalogna, i tre raggiungono direttamente solo 20,25% dei voti, che ha portato a cinque sedi a C e di una sede rispettivamente per il PP ed uno per Vox, che sono posti sullo stesso piano in irrilevanza politica in questa comunità. Nel lato l'indipendenza, ERC e Junts per Catalunya aggiungono 36,65% dei voti, ma se la differenza in base a sinistra ea destra sono opposti, la somma di CKD (24,5%), PSC-PSOE ( 23,21%) e En Comu Podem (14,9%), mostrano il 62,61% del voto a sinistra in quella nazionalità.

Il quarto si riferisce alla politica delle alleanze. Il risultato elettorale non consente di ricomporre per mezzo di patti un accordo trasversale tra centro sinistra e destra. I rapporti tra PSOE e cittadini per formare governo non solo sono state respinte notte delle elezioni se stesso per la militanza socialista contro il loro candidato Pedro Sanchez - "con Rivera, no" - ma sarebbe il discorso disfunzionale sostenuto durante la campagna elettorale, insieme di cui i cittadini sono stati configurati come la forza della destra nazionalista più estrema che cerca di soppiantare la leadership conservatrice in PP.

I risultati delle elezioni costretti a formare un governo di progresso in cui la somma del PSOE e UP richiedono l'aggiunta di altre forze politiche al fine di garantire una maggioranza politica che corrisponde a una maggioranza sociale reversibilità necessaria di situazioni di degrado dei diritti la cittadinanza ha sofferto dall'inizio della crisi.

Ora inizia un nuovo ciclo di confronto elettorale, che impegna i comuni, le comunità autonome e il risultato trascendente nelle elezioni europee. A partire dal 21 maggio, data in cui i nuovi deputati raccolgono le loro credenziali, resta da verificare la possibilità di un governo progressista di sinistra. UP è la chiave per raggiungere, come partner del PSOE, questa possibilità, unendo altri partiti di centro-sinistra e nazionalisti. Il 1 ° maggio una grande folla di persone manifesterà per le strade delle principali città spagnole chiamate dai sindacati. In queste concentrazioni, la domanda di un governo di progresso sarà una domanda condivisa. Questo è il buon indirizzo

Sarà una buona notizia per il paese, ma anche un avvertimento per l'Europa. Il modello portoghese potrebbe trovare una conferma nel caso della Spagna, dove in aggiunta la sconfitta dell'estrema destra consente di dimostrare che la sua ascesa non è inevitabile.

(Madrid, 29 aprile 2019.)

 

Antonio Baylos

Catedrático de Derecho del trabajo. Universidad de Castilla-la Mancha
Co-Editor Insight.
www.baylos.blogspot.com
antonio.baylos@uclm.es

Insight - Free thinking for global social progress

Free thinking for global social progress